Premio "Alfieri dello sport", candidature entro il 28 marzo

21/02/2020

Un momento speciale, un’occasione per dire “grazie” a tutte
quelle persone che nei gruppi sportivi tengono alti i valori
educativi dello sport, spendendosi affinché bambini, ragazzi,
giovani e adulti possano essere i protagonisti di una bella
esperienza di vita.
Lo vivremo insieme il prossimo 8 maggio, quando all’interno
delle celebrazioni del 60esimo di fondazione del Comitato,
andremo a conferire a diversi dirigenti sportivi il premio “Alfieri
dello sport”, iniziativa indetta dal Consiglio Provinciale per
riconoscere e valorizzare pubblicamente il servizio offerto da
queste persone.

Volontari, allenatori, presidenti, dirigenti, segretari, magazzinieri,
aiutanti, educatori, genitori. “Alfieri dello sport” vuole essere un
piccolo riconoscimento per chi meglio rappresenta il vero
significato del “mettersi al servizio” dell’associazione sportiva.
Un compito delicato e fondamentale, che racconta di persone che
si prendono cura degli altri in uno spirito associativo e costruttivo,
nei gesti più semplici e spesso con lavori umili che non vengono
mai valorizzati.
Insomma all’interno del filo conduttore del 60esimo, “Storie di
volti di chi fa lo sport”, questo premio sarà l’occasione per
riconoscere quanto di bello c’è in ogni persona che si impegna per
il bene della società sportiva.
In questa settimana tutte le società sportive hanno ricevuto la
lettera di presentazione del concorso, il regolamento e la scheda di
adesione. Ogni sodalizio potrà esprimere la candidatura di un
proprio operatore sportivo, scegliendo il profilo più consono alla
testimonianza che si vuole presentare.
Tre le categorie per le quali il Consiglio Provinciale premierà
rispettivamente un massimo di dieci dirigenti.
“Giovani educatori sportivi” guarda a tutti quei giovani
allenatori e dirigenti che “hanno fatto la trafila” nelle squadre del
proprio sodalizio, maturando la consapevolezza di aver ricevuto
tanto nel loro cammino di atleti e decidendo di mettersi a
disposizione dei più piccoli._
“Un volto, una storia, una vita nella società sportiva”. E’ la
categoria che si rivolge in modo particolare a chi, negli anni, ha
lavorato per far crescere il gruppo sportivo, scrivendo capitoli
importanti e testimoniando appartenenza e identità.
Infine ci sarà spazio per i “Paladini dello sport in oratorio”. Un
sacerdote, un educatore, un catechista, un dirigente sportivo che

impersona l’alleanza tra parrocchia/oratorio e la sua società
sportiva. Vere storie di vero “sport in oratorio”.
Le candidature devono essere inviate entro e non oltre il 28 marzo
alla segreteria Csi Lecco compilando l’apposita scheda di
segnalazione. Il regolamento completo è a disposizione anche sul
sito internet del Comitato.


Allegati:
Lettera indizione concorso.docx (1).pdf
Modulo segnalazione candidatura.docx (1).pdf
Regolamento Premio Alfieri dello Sport.docx (1).pdf