Links utili

Csi Nazionale Csi Lombardia Leccosportweb CSIPOINT

MEETING DI ASSISI, CSI IN ATTACCO SUL TERRENO DELL'EDUCAZIONE


Achini: “Giochiamo all’attacco”
Un Csi capace, come lo è stato S.Francesco, di guardare all’unicità delle persone che si incontrano: un’associazione che si apra al mondo, ai giovani, ai deboli, alle periferie; una squadra capace di “giocare in attacco sul terreno dell’educazione”.  E’ l’itinerario che tra venerdì 5 e domenica 7 dicembre ad Assisi hanno intuito i 500 dirigenti arancio-blu convenuti nella città di S.Francesco per il meeting nazionale 2014.

Un percorso che chiede di essere concretizzato fin da subito nella quotidianità del vissuto sportivo educativo delle proprie realtà territoriali. Un compito da giocare “con la chiara consapevolezza del nostro valore” ha detto il Presidente nazionale Massimo Achini nel suo intervento a conclusione dei lavori. “Siamo chiamati a giocare nell’eccellenza dello sport del nostro Paese, dando il meglio e sapendo che valiamo tanto: spetta a noi riparare il mondo dello sport, facendo in modo che cresca l’attività sportiva come occasione concreta per generare dinamiche educative”.

“Francesco va e ripara la mia casa” è stata la chiave di lettura della due giorni di spiritualità vissuta dai dirigenti Csi, tra i quali sono stati presenti il Presidente Provinciale Carlo Isacchi e il maestro di karate Fausto Belotti con Gabriella Magni,
entrambi della Sankukai Belotti.

Nella serata di venerdì Fausto e Gabriella hanno portato alla platea la testimonianza dell’incontro avuto lo scorso 7 giugno con Papa Francesco, in occasione delle celebrazioni del 70esimo del Csi. Quando in una Piazza S.Pietro gremita da 60mila persone alcuni dei loro atleti insieme al team di Velletri avevano eseguito alcuni esercizi di karate davanti al Santo Padre.

Con loro c’erano tanti altri testimoni della festa del Csi con il suo Capitano, tra i quali il mister Emiliano Mondonico. “Il passaggio decisivo che ricordo è stato quando ci ha ricordato di non accontentarci di un pareggio mediocre. Nella società di oggi l’importante non è partecipare, bisogna lottare ogni giorno per vincere. Voi educatori Csi abituate i vostri ragazzi ad essere vincenti, non solo nelle partite ma nella vita”.

In apertura dei lavori il Consulente Ecclesiastico Nazionale don Alessio Albertini aveva proposto una meditazione sulla figura del poverello di Assisi, dalla nascita alla prigionia di Collestrada per arrivare allo sguardo del Crocifisso di San Damiano. Di qui l’invito a saper rimettere il Gesù crocifisso al centro della nostra vita. “San Francesco si era reso
conto che il crocifisso gli chiedeva innanzitutto di amare e come lui siamo chiamati a partire dalla nostra pietra per andare a riparare la casa del Signore”.

Di rilievo nella giornata di sabato l’intervento di Mons. Bruno Forte, Arcivescovo della Diocesi di Chieti-Vasto. Nella sua riflessione sul “perché il Vangelo può salvare la società in cui viviamo” ha fornito tre assist per la sfida educativa targata Csi: la verità come bussola per la navigazione, la verità come forza liberante e l’impegno per il bene comune. “Siate uomini e donne liberi e veri nella vita e nelle società sportive. Il Csi sia scuola di verità per riscoprire le radici cristiane. Vi auguro di vivere lo sport come meravigliosa avventura di amore”.

Sulla pagina Facebook del Centro Sportivo Italiano le immagini e le cronache del meeting