Links utili

Csi Nazionale Csi Lombardia Leccosportweb CSIPOINT

CI METTIAMO ALLA FINESTRA, IN TUTTA LA LOMBARDIA ARANCIO-BLU, MA NON MOLLIAMO!


Ci mettiamo alla finestra, in tutta la Lombardia arancio-blu. Almeno per le gare degli sport di squadra definiti “di contatto” se ne riparlerà da gennaio.
Con la remota possibilità, per le società sportive iscritte ai campionati di valenza nazionale, di poter proseguire gli allenamenti, quando la Lombardia potrà uscire dalla Zona Rossa. Ma con grande prudenza e cautela, nel rispetto di tutti i provvedimenti e soprattutto nel rispetto della tutela della salute di ogni persona.
Mercoledì 28 ottobre i Comitati Csi della Lombardia, riunendo in videoconferenza i Presidenti, i Direttori tecnici e il Consiglio regionale Csi, avevano stabilito una comune linea di indirizzo per la ripresa. A coordinare i lavori c'era il Presidente del Csi Lombardia, Paolo Fasani.
Il Csi in modo compatto ha confermato la programmazione sportiva di questa tribolata stagione sportiva. Sia per gli sport di contatto, di squadra e individuali, sia per gli sport non di contatto. Tradotto in soldoni: da gennaio, non appena la situazione sanitaria e le normative lo
consentiranno, i Campionati Nazionali ripartiranno. Lasciando innanzitutto spazio ai Comitati Territoriali.
Purtroppo però le linee di indirizzo che sono state decise ora si devono rimodulare con il dpcm del 4 ottobre. Che per le regioni in Zona Rossa sospende lo sport promosso dagli Enti di promozione sportiva.

Per quanto riguarda le competizioni sportive, per gli sport di squadra definiti “di contatto” che hanno valenza nazionale (calcio a 11, calcio a 7, pallavolo, basket, Sport&Go), i campionati sono comunque sospesi fino al 31 dicembre.

Per gli sport e le discipline individuali di contatto (arti marziali, ginnastica artistica e ritmica) la sospensione delle manifestazioni sportive era stata confermata sino al 24 novembre. 

Mentre per quanto concerne gli sport e le discipline individuali non di contatto (atletica e tennistavolo), per delibera del Consiglio nazionale Csi la stagione sportiva per quanto deciso poteva proseguire dal 14 novembre. Ora per tutti se ne riparlerà dopo il 3 dicembre.

Per gli allenamenti l’indicazione accorata del Csi Lombardia con tutti i Comitati Territoriali era ed è quella di sospenderli.
Le squadre che sono iscritte ai campionati degli sport di squadra e individuali denominati “di contatto” e riconosciuti a valenza nazionale, dal 2 novembre avrebbero potuto effettuare allenamenti in forma ordinaria. Ora non più.

La cosa sarebbe stata possibile rispettando alcuni importanti criteri:

  • procedere al tesseramento di tutti gli atleti e tecnici,
  • avere un istruttore/allenatore certificato Csi caricato nel portale CEAF,
  • disporre dell’operatore di accoglienza
  • rispettare i protocolli e le disposizioni applicative del Csi Lombardia.

Tutti aspetti che probabilmente torneranno in auge appena la regione uscirà dalla Zona Rossa.

Per le squadre degli sport di contatto che non hanno questo riconoscimento perché iscritte a tornei e competizioni non di valenza nazionale, gli allenamenti in forma ordinaria e al chiuso erano stati sospesi almeno sino al 24/11. Poi sarebbero potuti proseguire all’aperto in forma individuale, mantenendo il distanziamento interpersonale di almeno 2 metri. Ora si deve aspettare il 3 dicembre se non oltre.

Questo anche per le società che praticano sport individuali di contatto (arti marziali, ginnastica artistica e ritmica) in campionati non riconosciuti di valenza nazionale: sempre a partire dal 2 novembre avrebbero potuto proseguire gli allenamenti all’aperto, con attività in forma individuale, mantenendo il distanziamento interpersonale di due metri.

Allenamenti fermi infine anche per le società che praticano sport individuali non di contatto. Ne riparleremo, speriamo presto.

Abbiamo aggiornato questa informativa a seguito del DPCM del 4 novembre. A breve arriveremo con una serie di videoconferenze con le società sportive, suddivise per disciplina. Avremo tante cose da dirvi e un sacco di proposte per questo periodo di attesa.

Il testo del DPCM del 4 novembre